VINI BIODINAMICI
HOTEL BOOK YOUR STAY
X Chiudi
 

VINI BIODINAMICI

Vini biodinamici

 

L’Italia è, senza dubbio, il luogo dove si producono alcuni tra i migliori vini al mondo. Che amiate le bollicine o i vini corposi, il Bel Paese offre una scelta quasi infinita di vini.

La varietà che forse non tutti conoscono, però, è quella dei vini biodinamici. Un appellativo che forse sembrerà esagerato per il mondo della nutrizione, eppure l’agricoltura biodinamica ha come base il rispetto per il mondo in cui viviamo e per questo motivo è importante capire di cosa si tratta.

 

Basatosi sulle teorie espresse dal filosofo austriaco Rudoph Steiner, l’agricoltura biodinamica è stata adottata in alcune aziende agricole nel mondo a partire dal 1924, anno in cui Steiner spiegò le sue idee a un gruppo di coltivatori. Siamo tutti a conoscenza degli effetti devastanti dell’agricoltura intensiva, della deforestazione e del costo che i sistemi di coltivazione moderni – ad esempio la modificazione genetica – hanno sui raccolti e, di conseguenza, sulla terra e tutta la popolazione.

La biodinamica può venirci in aiuto e si basa su tre principi fondamentali:

- mantenere la fertilità del terreno usando concimi naturali;

- assicurarsi che le piante siano sane e possano resistere a malattie e parassiti, senza far uso di prodotti chimici;

- ottenere prodotti di alta qualità.

In una società dove l’agricoltura è sfruttata al massimo, spremendo ogni risorsa, è comprensibile che l’agricoltura biodinamica non si sia sviluppata in grandi numeri. Stiamo comunque assistendo a una processo di ritorno alle origini, dove questi sistemi vengono impiegati, anche se non su larga scala, e Ciasa Salares è orgogliosa di annoverare alcuni produttori di vini biodinamici tra i molti che troverete nella sua già ben fornita cantina. I vitigni utilizzati nella produzione di questi vini sono completamente puri e privi di materiali di sintesi.

In base alla scelta di rispettare la nostra cultura e lasciare una sana eredità alle generazioni future, Ciasa Salares ha scelto dieci produttori di vino che adottano queste tecniche. Eccoli:

Gianfranco Masiero - Selva di Trissino (Vicenza)

Azienda Fondata nel 2000, qui si utilizza una preparazione biodinamica per attivare il processo di vita nel terreno e nelle piante; i loro vini non contengono additivi e non subiscono trattamenti chimici, né fisici. Il proprietario è stato un pioniere dell’agricoltura biodinamica per quanto riguarda i processi di fermentazione e invecchiamento del vino, ad esempio usando vasche di marmo, cemento greco non trattato e legno di frassino. Al Ciasa troverete Verdugo Merlot, Pinot grigio e Chardonnay.

Podere Còncori/Gabriele da Prato   Gallicano (Lucca) di cui abbiamo Pinot Nero, Syrah e Pinot  Bianco.

Paolo Vodopivec / Sgonico (Trieste) Troverete tutti i vini del vitigno Vitoska con affinamento in legno e anfora Georgiana.

Azienda Agricola Serragghia (Giotto Bini/Gabrio Bini) Pantelleria. Al Ciasa trovate lo Zibibbo

Azienda Agricola Orsi San Vito - Monteveglio (Bologna) di cui abbiamo il  Pignoletto, Vigna del Grotto, Barbera Martignone.

Azienda Agricola De Fermo di Stefano Papetti – Loreto Aprutino (Pescara) Troverete Pecorino, Montepulciano d'Abruzzo, Chardonnay Secolare, Cerasuolo d'Abruzzo

Elisabetta Foradori  - Mezzolombardo (Trento)  Trovate tutte le espressioni del vitigno Teroldego, vinificato in anfora, inoltre Nosiola Fontanasanta e Pinot Grigio Fuoripista.

img2.png