Curiosità, eventi, cultura, arte, gastronomia e molto altro in Alta Badia
HOTEL BOOK YOUR STAY
X Chiudi

L’alimentazione in montagna

L’alimentazione in montagna

È arrivata l’estate e vogliamo stare all’aria aperta.  Aria pura, panorami mozzafiato, sentieri volti all’infinito… Zaino pronto, abbigliamento adeguato, si parte. Che peccato rovinare la giornata con scelte alimentari sbagliate, non trovate?  

I DoloMitici

In una bella giornata di luglio del 2004 si diffonde un tam-tam telefonico: „ci troviamo a pranzo nella baita di Hugo e Ursula per una merenda e una chiacchiera in allegra compagnia?”
Non manca nessuno all’appuntamento, Hugo e Ursula Pizzinini con lo chef Norbert Niederkofler, Stefan e Wilma Wieser e Michil Costa. Tra un boccone e un bicchiere, si sa, la lingua e la mente si sciolgono e si inizia a fantasticare su collaborazioni e grandi eventi enogastronomici da realizzare in valle. Quel giorno viene stabilito il primo appuntamento da tenersi ad agosto per deliziare alcuni amici affezionati dell’Alta Badia. Wilma propone all’allegro gruppetto il nome “DoloMitici” e nei boschi sotto il Lagazoi si svolgerà il primo pic-nic di ferragosto. 
Il successo e lo stupore nel vedere collaborare questi tre “colleghi concorrenti” e la soddisfazione dei DoloMitici nell’avere iniziato questo sano sodalizio, hanno dato il “la” a grandi cose. 

 

 

 

Gastronomia

La cucina delle valli ladine si richiama alla tradizione tirolese, come nel caso dei canederli con lo speck o dello strudel. Gli alpigiani si nutrivano di latticini, cerali e fave. L’orzo era il cereale piú diffuso. Due volte all’anno si svolgeva la panificazione casalinga nell’apposito forno comune al centro de Les viles. Il burro era l’unico condimento e lo strutto veniva usato per i fritti. Molte pietanze vengono preparate proprio come in passato: LA PANICIA- la zuppa d’orzo, LES TUTRES-frittelle ripiene di spinaci, ricotta e patate oppure crauti, I CAJINCÍ-ravioli di magro, LES CÜTLES DA POM - le frittelle di mela.

img6.png